“CAMBIA VERBANIA”: VIA ANCHE I PARCHEGGI ROSA!

La cifra di un’Amministrazione si misura anche delle scelte apparentemente minori: come quella di togliere i parcheggi “rosa” destinati alle donne incinte.

Era solo questione di tempo. Tolti dalla Giunta di Destra e Lega Nord anche i parcheggi “rosa”, che da due/tre anni il gentlemen’s agreement tra automobilisti riservava alle mamme in attesa. Giustificazione ufficiale? Siccome il Codice della Strada non individua questo tipo di “riserva”, l’automobilista che occupa lo spazio “rosa” impropriamente non può essere multato. Troppi abusi, secondo la Giunta. Meglio un bel posto “blu”, che rende un bel po’ di soldini; e da qualche mese ancora di più, dopo l’aumento del 150% della tariffa minima disposto dall’attuale Amministrazione.

Non sappiamo in base a quale divinazione a Palazzo di Città si sia deciso che gli abusi erano troppi: non essendo sanzionabili e dunque contabilizzabili, possiamo supporre che sindaco e assessori si siano per mesi e mesi appostati nelle vicinanze dei posteggi “rosa” (una dozzina in città), rilevando implacabilmente l’utilizzo improprio. Certo, vi saranno stati casi di abuso, ma in un realtà matura, consapevole e solidale come Verbania il loro numero è circoscritto e non giustifica certamente la penalizzazione inflitta alle mamme, neo e future. Il posto “rosa” funzionava bene ed era apprezzato. Ed è probabilmente per questo che Destra e Lega l’hanno eliminato.

Ora magari qualcuno proporrà di rilasciare alle mamme un permesso di gratuità negli stalli blu rilasciato dal Comando di Polizia, sulla base di un certificato medico emesso dall’Asl, che documenti inoppugnabilmente lo gravidanza, o di un certificato dell’anagrafe, che attesti che il bimbo è nato xxx mesi fa, magari con la fotografia formato tessera della mamma e, perché no? l’ecografia del nascituro…. Poi si dovrà compilare un questionario, andare in Municipio per il tesserino provvisorio in attesa del rilascio di quello definitivo, che andrà riconsegnato immediatamente in caso di interruzione di gravidanza e comunque al compimento dell’xxx mese del bambino, ecc, ecc.

Insomma, un po’ come passare da LiberoBus a (Più)MenoBus. Complimenti.

Questa voce è stata pubblicata in Politica cittadina. Contrassegna il permalink.