FATTO IL RIMPASTO, TUTTO COME PRIMA. O FORSE PEGGIO

“Zacchera bis” dopo cinque mesi di faticosa e spassosa gestazione: stessa Giunta da record (dieci assessori), niente spazio al PID, abbandono polemico di Tigano, malpancismo diffuso nel PdL, strapotere della Lega Nord. Un vero successo politico.

Martedì scorso si è aggiunto un altro cammeo alla straordinaria performance dell’ Amministrazione Zacchera: si è finalmente chiuso il mitico “rimpasto di Giunta”. Una titanica operazione politica partita più di quattro mesi fa, che a buon diritto s’iscrive tra le pagine “alte” della storia amministrativa cittadina: fuori Mantovani (PdL) e Airoldi (Lega), dentro Montani (Lega e senatore) e Marcovicchio (PdL). Un cammeo che si aggiunge ad altre purissime gemme di preziosa amministrazione: la giubilazione istantanea dell’assessore Preti, i cento giorni dell’aspettando Sottocornola, la delega “a porta girevole” di Parachini, il feroce siluramento della Mantovani, il tiro al bersaglio sui presidenti del Museo del Paesaggio, l’emorragia di consiglieri comunali dal PdL al PID (“Popolari Italia Domani”).

Ecco dunque per gli affezionati lettori di VB70 la sintesi degli straordinari accadimenti del 24 gennaio. A mezzogiorno altisonante conferenza-stampa di presentazione della “nuova” (?) Giunta: i membri della Giunta, che il giorno prima erano nove, diventano  dieci, a puntuale conferma delle solenni dichiarazioni di Zacchera (“con il rimpasto ridurremo il numero degli assessori”); il “doppio incarico” si ripresenta con la gradevole variazione da sindaco-deputato ad assessore-senatore; qualche aggiustamento delle deleghe all’interno dell’affollatissima compagine di Giunta.

A mezzogiorno e mezza la prima reazione politica all’attesissimo rimpasto: il capogruppo del PdL in Consiglio Comunale sbatte la porta e se ne va. Per lettera contesta l’operazione appena varata, lascia l’incarico politico e diventa consigliere comunale indipendente. Il PID, lasciato fuori dalla porta con la “promessa condizionata” di un “vedremo più avanti, ma dovete fare i bravi”, osserva e silenzioso attende. La Lega Nord esce vincitrice dal “giro di valzer” degli incarichi: non soltanto rimanda al mittente la richiesta di rinunciare ad un posto in Giunta, ma porta a casa le deleghe alla Cultura, al Turismo e ai Grandi Eventi, mortificando più d’un assessore pdiellino. E alla “pancia” del PdL, cioè al numeroso Gruppo Consiliare in cui sono presenti diversi giovani e che in questi mesi ha molto sofferto la sostanziale estromissione dalle trattative per la nuova Giunta, Zacchera ha regalato questo raffinato e prezioso distillato di alta politica: “hanno capito che non si può far fare a tutti l’assessore“.

Questa operazione è un vero capolavoro di coesione! E s’annunciano due anni formidabili.

Questa voce è stata pubblicata in La Casta, Politica cittadina. Contrassegna il permalink.