FAUSTO DEL PONTE. UN POPOLARE PER LA COMUNITA’

Semplicità, autorevolezza, carisma, dedizione. Il senso compiuto di un’esistenza spesa per gli altri nella parabola umana del patriota della “Valtoce” che ha portato in Senato la voce della nostra terra.

A poche settimane dalla scomparsa di Vittorio Beltrami, un’altra figura storica della politica del Verbano Cusio Ossola esce silenziosamente di scena: Fausto Del Ponte, pievese, senatore e patriota, ha ricevuto in forma privata l’ultimo saluto dei suoi familiari e degli amministratori della sua comunità.

Di Fausto Del Ponte emerge con nettezza e naturale evidenza il popolarismo come tratto distintivo di tutta la sua lunga milizia politica, civile, sociale e amministrativa. Un’esperienza intensa e irripetibile, segnata in gioventù dalla scelta partigiana nella divisione “Valtoce” e cresciuta nei decenni successivi nella realtà industriale e operaia della bassa Ossola, nella piena fedeltà agli ideali del cattolicesimo democratico declinati in politica in quella che per molti decenni è stata la sinistra dc. In questo crogiolo di appassionata militanza sono maturati gli importanti incarichi ricoperti nel corso di una lunga esistenza; e tra essi è bello ricordarne due, solo in apparenza lontani: sindaco di Pieve Vergonte e senatore della Repubblica. Come dire, i due estremi della dedizione alla polis, intesa come nucleo fondativo della propria comunità (il Municipio) e come luogo della sovranità popolare della propria nazione (il Parlamento).

Il popolarismo di Del Ponte si è così manifestato con grande naturalezza nelle più importanti scelte della sua esistenza, plasmando una personalità davvero straordinaria: un uomo di grande semplicità e di altrettanto grande carisma, autorevole nei giudizi e familiare nella relazione interpersonale: con i compagni di lotta nella “Valtoce”, con gli amici di partito nella dc, con gli amministratori in Municipio, con gli operai in fabbrica, con i senatori a palazzo Madama.

Semplicità, autorevolezza, carisma, dedizione. Il senso compiuto di un’esistenza spesa per gli altri.

Questa voce è stata pubblicata in Politica cittadina, Uomini e memoria. Contrassegna il permalink.