LUIGI ZAPPELLI, SINDACO DELLE DUE LIBERTÀ di Giacomo RAMONI

Pubblichiamo questo intervento di Giacomo Ramoni, “anima” di Verbania Documenti, dedicato alla figura di Luigi Zappelli, deputato al Parlamento e sindaco di Verbania nell’immediato dopoguerra. A Zappelli VB/doc ha dedicato un volume che ne ricostruisce la vicenda umana e politica.

Verbania documenti (VB/doc), l’associazione di cultura politica operante in città da almeno un ventennio, ha pubblicato il secondo dei libri che riguardano la vita dei sindaci di Verbania. Dopo il libro su Vincenzo Adreani, il primo sindaco, edito nel 2009,  nel Circolo di Intra che porta il suo nome, è stato, infatti, presentato “Luigi Zappelli, il Sindaco delle due Libertà”. Il riferimento è alla libertà del periodo liberale e a quella del periodo repubblicano del nostro Paese.

Luigi Zappelli (1886/1948) fu il secondo sindaco di Verbania, nominato dal CLN nell’agosto 1945 succedendo a Vincenzo Adreani, primo sindaco socialista della città. Luigi Zappelli fu anche sindaco di Intra (1921/1922), allora non ancora unita a Pallanza a formare Verbania. Esule in Svizzera da muratore divenne imprenditore edile non diminuendo mai il suo impegno politico. Avendo conquistato cospicue risorse economiche, fu uno dei maggiori sostenitori del Centro Estero Socialista in Svizzera, affidato ad Ignazio Silone dopo l’invasione della Francia (1940).

Tutta la precedente attività politica di Zappelli fu volta al sostegno dell’immigrazione politica ed economica in Svizzera. Fu in contatto con Pietro Nenni, Emanuele Modigliani ed il repubblicano Egidio Reale. La sua casa di Losanna ospitò ogni sorta di rifugiato politico finendo anche con l’ospitare alcuni esponenti fascisti di Verbania che non avevano aderito alla Repubblica di Salò. Chiamato in Patria per ricoprire il ruolo di Sindaco di Verbania, aprì l’Istituto Pedroni (intitolato a Carlo Pedroni, esule verbanese morto a Ginevra nel 1937) ove furono ospitati. dal 1945 al 1953, gli orfani dei combattenti delle due parti in lotta. Fu eletto alla Costituente nel 1946 e riconfermato alla Camera nel 1948. Morì improvvisamente a Losanna il 9 agosto 1948.

Il libro può essere richiesto all’indirizzo: minoramoni@teletu.it. Il libro non ha prezzo di copertina. E’ consigliato un contributo di € 8,00 per il finanziamento delle iniziative culturali dell’associazione

Questa voce è stata pubblicata in Politica cittadina, Uomini e memoria. Contrassegna il permalink.