PARCHEGGIO A DISCO ORARIO IN ZONA PISCINA. UNA SCELTA MIOPE

L’assessorato alla Viabilità inizia a introdurre la sosta vincolata (a pagamento o a disco orario) anche nei grandi parcheggi di attestamento. Una scelta contraddittoria, che rischia di generare più disagi che vantaggi.

Notiziola piccola piccola, ma anche in questo caso rivelatrice di un’impostazione amministrativa confusa e controproducente. Qualche giorno fa l’assessorato alla Viabilità ha deciso di trasformare da sosta libera a sosta con disco orario una serie di posti-auto lungo via Cesare Battisti a Intra, all’altezza della piscina comunale. La ragione? Garantire un turn over delle auto a beneficio di coloro che frequentano l’impianto sportivo. La decisone ha subito suscitato diffuse e motivate proteste da parte dei moltissimi lavoratori che utilizzano per le proprie auto l’ampia dotazione di parcheggi sulla sponda destra del San Giovanni.

E in effetti non ci capisce la ratio di questa scelta. I posti-auto regolamentati (parcheggi blu a pagamento e parcheggi a disco orario) sono pensati per favorire una significativa rotazione delle auto nelle zone del centro cittadino a forte densità commerciale. A Verbania, infatti, man mano che ci si avvicina ai centri storici e commerciali, aumentano gradualmente gli stalli di sosta regolamentati. Sono invece posti-auto a sosta libera (i famosi parcheggi “bianchi”) quelli cosiddetti di attestamento, che si trovano all’ingresso dei centri abitati: da noi, sui lungargini San Giovanni e San Bernardino, in piazza Mercato, dietro villa Simonetta, in zona ospedale, in zona tribunale…. Iniziare una politica di limitazione della sosta (con pagamento o a disco orario) anche nei parcheggi di attestamento significa penalizzare senza ragione quei lavoratori che scelgono di parcheggiare anche lontano dal proprio posto di lavoro, avendone in cambio la sosta libera e non onerosa e offrendo in cambio alla città una minore congestione veicolare nelle zone di maggior pregio e, per questo motivo, più ricercate.

Dunque, una scelta di mobilità contraddittoria e penalizzante, destinata a creare diffuso disagio a fronte di inesistenti vantaggi. E che, soprattutto, crea un precedente molto pericoloso.

Questa voce è stata pubblicata in Viabilità, LiberoBus e Circonvallazione. Contrassegna il permalink.